fbpx

Valutazione economica del Marchio Registrato per la cessione o licenza

stima economica del marchioIl nostro ordinamento offre tutela ai marchi d’impresa mediante una pluralità di norme:

  • il Codice della Proprietà Industriale;
  • gli artt. 2598, 2599 e 2600 del codice civile;
  • gli artt. 473 e 474 del codice penale.

Il legislatore considera il marchio d’impresa un segno distintivo, con la funzione di consentire al pubblico di distinguere i prodotti e i servizi di un imprenditore.

Da tale funzione distintiva discende la struttura del diritto sul marchio.

La Legge stabilisce, infatti, il principio di territorialità, in base al quale il titolare del marchio nazionaleregistrato, ha diritto ad usarlo in via esclusiva nel territorio dello Stato e, al contempo, ha facoltà diimpedire ai terzi l’uso dello stesso segno o di altro simile nel medesimo ambito territoriale.

Tale diritto è, però, contemperato dal principio di specialità, in base al quale la registrazione esplicaefficacia limitatamente ai prodotti o servizi indicati nella registrazione stessa ed ai prodotti oservizi affini.

L’art. 7 del D.Lgs. 30/2005 (legge sui marchi o LM) stabilisce che possono costituire oggetto diregistrazione come marchio d’impresa tutti i segni suscettibili di essere rappresentatigraficamente, in particolare le parole, i nomi di persona, i disegni, le lettere, le cifre, isuoni, la forma del prodotto o la sua confezione, purché atti a distinguere i prodotti o la dittao l’insegna di un’impresa da un’altra.

La registrazione del marchio può avvenire su scala nazionale, comunitaria ed internazionale.

Ebbene, le tre possibili modalità di tutela non si escludonoreciprocamente ed, anzi, consentono alle imprese la massima flessibilità, in modo da adeguare ilsistema di protezione alle loro necessità.

Audit sul marchio - verifiche preliminari

La valutazione economica del marchio passa, sostanzialmente, attraverso tre fasi: l’esame preliminare, l’esame giuridico – amministrativo e la scelta ed applicazione del metodo valutativo.

La prima fase è, scontata, ma volta a valutare se il marchio possieda un valore “autonomo”.

A tal fine, devono risultare soddisfatti i seguenti requisiti: 

1) Registrazione - Registrabilità e Monopolio reale del marchio.

2) Appartenenza al Patrimonio aziendale e mancanza di contestazione di terzi.

3) Livello di investimento in riconoscibilità, brand e marketing.

4) Incidenza sull’economia aziendale e nel mercato di riferimento 

5) Cedibilità del marchio

6) Validità ed efficacia del marchio sotto il profilo giuridico - e titolarità (registrazione del marchio)

Due diligence: verifica giuridico-amministrativa sul marchio

Nella seconda fase (due diligence), avviene l’esame giuridico – amministrativo del marchio.

Trattasi di indagine di grande importanza, normalmente effettuata da un Avvocato esperto in registrazione marchi, di diritto industriale.

Proprio tale esame consente, infatti, di individuare eventuali elementi distorsivi incidenti sul valore del marchio, passando anche attraverso: a) la verifica della copertura attuale e di futuro sviluppo, volta a valutare se esistano paesi in cui terzi detengano marchi identici che impediscano lo sviluppo; b) la verifica dell’eventuale esistenza dirifiuti, opposizioni e controversie che possano mettere a rischio il diritto di marchio.

Nella terza, ed ultima fase, avviene la scelta e l’applicazione del metodo valutativo. Nelle scienze giuridiche, non esiste un metodo valutativo universalmente riconosciuto. La mancanza di un metodo “universale” è dovuta anche al fatto che nonsempre sono disponibili tuttigli elementinecessari ed idonei per effettuare una valutazione uniformemente accettabile ed eventualmente da reiterare.

Lavalutazione monetaria del marchio, dunque, si incentra proprio sulla scelta dei criteri economici idonei ad individuarne il valore, quale elemento immateriale del capitale economico dell’impresa. Ecco perché la scelta di tali criteri è sempre più importante nella prassi aziendale.

I Metodi valutativi sotto il profilo economico del marchio

In estrema sintesi, i metodi valutativi possono distinguersi in due macro aree:metodi diretti e metodi indiretti.

I metodi indiretti consistono nello stimare il valore complessivo del capitale investito(comprendente tutti gli assets aziendali, materiali, immateriali e circolante), mediantemetodologie di stima tradizionali (ad esempio con metodi finanziari o con metodi reddituali o mistipatrimoniali-reddituali), dalla cui sommatoria viene sottratto il valore dei beni materiali e delcircolante. L’aspetto critico di talimetodi è quello di non consentire la valutazione di ciascun singolo bene immateriale, masolamente una valutazione complessiva degli stessi.

I metodi diretti si distinguono, a loro volta, in tre approcci principali: quello del costo, quelloeconomico e quello di mercato.

L’approccio del costo si basa sulla stima del valore degli assets attraverso la determinazione deicosti necessari per la loro formazione.

L’approccio economico si basa sui flussi imputabili all’asset immateriale e si compendia delle seguenti metodologie:il metodo dell’attualizzazione dei risultati differenziali attesi, che si basa sul concetto che il valore di unbene immateriale sia strettamente correlato con la sua capacità di generare rendimenti superioririspetto a quelli ottenibili senza tale bene ed il metodo del costo della perdita, che assume quale valore dell’intangibile oggetto di valutazioneun importo non inferiore al valore del “danno” che l’impresa verrebbe a sopportare nel caso in cuisi dovesse privare del bene immateriale.

L’approccio di mercato determina il valore del marchio mediante riferimenti a parametri mediamenteosservati in transazioni verificatesi sul mercato e sulla base della comuneesperienza di soggetti operanti sullo stesso.

La letteratura distingue fra i:

a) metodi basati sulle royalties, che evincono la stima del valore del bene immateriale attualizzando irisultati attribuibili alla stessa in funzione delle royalties ottenibili sul mercato dalla cessione inlicenza d’uso del medesimo;

b) Metodi fondati sui multipli, in base ai quali il valore dell’intangibile viene determinato ricorrendo amultipli derivati dal mercato, osservati in transazioni comparabili, applicati a determinatiparametri (ad esempio il fatturato, nel caso di un marchio, oppure il costo delle attrezzature ostampi necessari per produrre il bene, nel caso di un brevetto).

Esso è utilizzato in certuni settori diattività, oppure come criterio alternativo laddove non è possibile operare diversamente o, ancora, comecriterio di controllo di valori ottenuti con altri metodi. L’interpretazione dei risultati a cui pervienela stima va, ovviamente, effettuata con grande cautela, date le difficoltà che non di rado comportal’individuazione di società comparabili (a livello settoriale, di business e di struttura finanziaria).

Stima del Valore Economico di Cessione o Licenza di Marchio

Nel paragrafo precedente, si sono individuatele metodologie valutative maggiormente impiegate dai consulenti tecnici e Avvocati.

L’applicazione di idonei metodi valutativi che tengano nella giusta considerazione gli assunti sin qui sviluppati, risulta essere un compito assai complesso.

Peraltro, occorre rammentare che un unico criterio di stima potrebbe non essere la scelta più opportuna e funzionale alla singola fattispecie, mentre potrebbe rivelarsi utile un mix di metodologie, al fine di rappresentare al meglio il valore attuale del marchio.

Compila il modulo per richiedere informazioni, 

Riceviamo solo su appuntamento.

  Roma, via La Spezia 43

  Ariccia, Largo Savelli 14

  Latina

  06 89346494 - 349 40 98 660
segreteria@studiobuccilli.com
www.studiobuccilli.com
x

 chiamaci 06 89346494 - 349.40.98.660 | invia emailsegreteria@studiobuccilli.com | assistenza sediRoma - Ariccia - Latina

UN AVVOCATO IN TUA DIFESA

x

Compila il modulo per una valutazione gratuita. 

Riceviamo solo su appuntamento.

 


Roma, via La Spezia 43

 Ariccia, Largo Savelli 14

  Latina

  06 89346494 - 349 40 98 660
segreteria@studiobuccilli.com
www.studiobuccilli.com