fbpx

Avvocato Penalista Roma - Ariccia

A causa della superficialità di molti inquirenti è frequente essere coinvolti in un processo penale da innocenti e doversi rivolgere ad un Avvocato Penalista.

Non è vero che solo i criminali hanno bisogno di un Avvocato di fiducia.

Come quasi tutti i luoghi comuni sbagliati, infatti, l'Avvocato 2 volte su 3 assiste imputati poi giudicati esenti da responsabilità penale.

La possibilità di incorrere in un reato è molto più frequente di quanto si possa credere: basti pensare a chi, in possesso di un piccolo terrazzo di pochi metri quadrati, decida di chiuderlo per ricavarne una stanzetta in più, magari per un bambino in arrivo.

Tale condotta, ben lontana dall’essere un comportamento percepito come criminoso, configura un reato e, pertanto, obbliga l'imputato a subire un processo, e dunque a farsi assistere da Avvocati Penalisti.

E ancora, si pensi a colui che, invitato a cena per festeggiare il compleanno di un amico, brindi in compagnia e subito dopo si metta al volante per tornare a casa. Qualora vi fosse un ordinario posto di blocco sulla via del ritorno, egli potrebbe essere fermato e sottoposto ad alcol test e, visto il limite estremamente basso del tasso consentito, con un'alta probabilità risulterebbe positivo e si avvierebbe verso la strada che conduce alla celebrazione del processo penale.

Incorrere in un giudizio penale è molto semplice, e dato che le maglie della giustizia sono per lo più molto complesse, è necessario il ricorso ad Avvocati Penalisti per tutelare le proprie ragioni, anche se non si è responsabili.


Per ottenere assistenza legale per una questione penale puoi contattare un Avvocato Penalista dello Studio Legale Buccilli di Roma o Ariccia.


Preliminarmente, è opportuno distinguere due diverse ipotesi in cui il legale è indispensabile:

  • la Procura della Repubblica stia svolgendo o abbia già compiuto delle indagini nei confronti del sospettato e notifichi un atto, come ad esempio un avviso di garanzia;
  • la persona offesa dal reato vuole presentare una denuncia o una querela nei confronti del colpevole o verso ignoti;

Studio Legale Penale a Roma - Ariccia

Il ruolo dello Studio Legale Penale, dislocato nelle sedi di Roma, Ariccia e Latina, è assistere al meglio il proprio Assistito e curarne gli interessi anche quando sembra che i fatti non siano dalla sua parte.

La materia penale è una delle più importanti e scivolose del nostro ordinamento, in quanto la sanzione penale incide spesso sul bene più importante: la libertà.

Ciò che contraddistingue il diritto penale è la necessità di indagare il fatto umano, ricco di colori e sfumature, che possono costare la restrizione in carcere.

Nomina del Difensore di Fiducia

Il Difensore di fiducia è abituato a stare in aula, e tra i codici, studiando, riflettendo, ragionando.

Egli è anche un confessore, una persona alla quale si raccontano le proprie debolezze, i più amari sbagli, inquietudini. 

L’Avvocato penalista è anche un uomo, che quando torna a casa non riesce a smettere di pensare al caso.

Egli non è soltanto chiamato ad una competenza specifica ed analitica, che ovviamente padroneggia, ma è tenuto anche a capire le persone, in riferimento al processo in cui lui è difensore. È in questa fase che emerge la sensibilità dell’uomo, prima ancora della capacità giuridico-tecnica del professionista.

Si rende indispensabile capire da subito gli interessi in gioco, captare il bleff della controparte, evidenziare le incongruenze agli occhi del giudice. 

E così, magari, con la competenza, l'impegno e la perseveranza quel testimone chiave che ci accusa falsamente venga ritenuto inattendibile e non credibile. 


Per ottenere consulenza legale per una controversia penale puoi contattare lo Studio di Avvocati Penalisti di Roma e Ariccia.


Indagini Preliminari della Procura

Partiamo dal principio, la fase delle indagini.

Si tratta della prima fase del procedimento penale in cui la magistratura inquirente raccoglie tutti gli elementi del fatto, così da valutare se vi siano gli elementi necessari per la celebrazione di un processo o se, al contrario, non si sia consumato alcun reato e la persona indagata sia estranea ai fatti.

Durante tale fase iniziale, al fine di porre l’accusa e la difesa sullo stesso piano è consentito anche all’Avvocato ifensore di svolgere quelle che sono definite dall’art. 391 bis del codice di procedura penale “investigazioni difensive”.  Rientrano in questa definizione tutte quelle attività finalizzate alla raccolta di elementi a discarico, ossia di tutti quegli elementi in grado di scagionare il proprio assistito e porlo al riparo da eventuali future accuse. E' una fase estremamente sottovalutata, ed invece è cruciale perchè può essere il momento in cui si chiude un processo prima di iniziarlo, con notevole vantaggio (maggiore dell'assoluzione) dell'assistito.

Investigazioni Difensive dell'Avvocato 

Il difensore ha la possibilità di interloquire con le persone informate sui fatti, attraverso un colloquio documentato o non, al fine di meglio comprendere o acquisire le relative dichiarazioni.

Non solo, il difensore ha anche la possibilità, tramite consulenti tecnici di parte, di eseguire esami, rilievi tecnici, fotografici o audiovisivi, nonchè previa autorizzazione del giudice, accedere ai luoghi interessati.


Argomentazioni persuasive e strategia difensiva

Superata la fase delle indagini, il ruolo del difensore acquista una diversa declinazione, poiché incomincia la fase processuale vera e propria, in cui si celebrano le udienze di fronte al Tribunale Penale e si procede all'acquisizione ed esame delle prove nel contraddittorio tra le parti.

È una fase delicata in cui l’avvocato è chiamato ad incidere sul convincimento del giudice, mediante argomentazioni giuridiche, e inevitabilmente anche mediante le proprie capacità dialettiche e persuasive.

Si assiste in aula all’esame e al controesame di ciascun testimone, dei periti, dei consulenti di parte e, infine, vi sono le conclusioni difensive: il momento conclusivo del dibattimento in cui si è chiamati a tirare le somme, a ricostruire i fatti alla luce delle prove raccolte e formulare la cosiddetta arringa.

Costituzione di Parte Civile

Le parti processuali necessarie sono l'imputato e il pubblico ministero. Tuttavia è possibile che partecipino al processo penale anche parti diverse dall’accusa e dalla difesa: ad esempio la parte civile, rappresentata da chi ha subìto un danno in ragione della commissione del reato, e ne chiede il risarcimento in sede di giudizio penale.

La parte danneggiata può scegliere se incardinare la propria richiesta risarcitoria nel processo penale ovvero in sede civile.

Qualora vengano scelte le aule penali, queste diventeranno il palcoscenico per la contrapposizione tra reo ed offeso, in cui l’imputato sarà chiamato a lottare e difendersi sia dal pubblico ministero che dalla parte civile.

La posizione della persona offesa è peculiare, poiché, da un lato, ella agisce formulando una richiesta civilistica di risarcimento pecuniario, dall’altro, si schiera insieme all’accusa per provare la colpevolezza dell’incriminato e dimostrare quindi la sussistenza di quei fatti che le hanno cagionato un danno risarcibile.

Tale peculiarità dà luogo anche a regole processuali diverse per la parte civile: questa dovrà infatti costituirsi depositando un atto scritto in cui argomenta le proprie ragioni e, anche al termine dell’istruttoria, in fase di discussione orale, depositerà delle conclusioni scritte in cui chiede espressamente che il pregiudizio le venga risarcito.

Risarcimento del danno da Reato

Il Penalista è colui che può far ottenere un risarcimento a chi è stato danneggiato dalla commissione del reato: è il caso dell’avvocato penalista difensore della parte civile.

Non sempre è presente nell’ambito del processo penale, in quanto il danneggiato ha una duplice scelta, può decidere di esercitare l’azione risarcitoria in sede penale, ovvero agire dinanzi al giudice civile, che si occuperà di valutare l’esistenza del nocumento e la quantificazione dello stesso.

Penalista Raccomandato a Roma - Avvocato Buccilli

Un processo penale si può affrontare solo avendo cura di ogni fase del procedimento.

Alle volte, per poter comprendere come si sono veramente svolti i fatti di reato e pronunciarsi sulla penale responsabilità dell’imputato è necessario che si faccia luce sulla dinamica, sulle modalità, o sull'esatta quantificazione del fatto, tutti elementi caratterizzati dall’elevato contenuto tecnico-scientifico.

Ecco perché può essere necessario che, per una migliore difesa, l'Avvocato si rivolga a psichiatri, commercialisti, medici legali, informatici ed esperti di balistica.

I consulenti tecnici ed i periti hanno il compito nel corso del processo di fornire al Tribunale Penale i parametri per poter correttamente interpretare i fatti.

Ovviamente le varie posizioni degli esperti sono oggetto di contraddittorio in aula. Ciascun perito è infatti sottoposto all’esame e al controesame, al fine di confermare o confutare le risultanze scientifiche cui è pervenuto durante l'accertamento tecnico.

Accade spesso inoltre che, a fronte della nomina di un consulente d'ufficio del giudice, il difensore o l’accusa decidano di nominare un proprio consulente di parte, il quale assisterà e formulerà delle osservazioni sulle operazioni peritali e sarà poi chiamato dinanzi al giudice a riferire le proprie valutazioni.

Ciò spiega perché può accadere che in un processo vi sia largo spazio dedicato a ricostruzioni e prove scientifiche, che vi sia un dibattito e che, infine, il giudice si distacchi dalle asserzioni di alcuni consulenti intervenuti.

Del resto, anche nelle materie scientifiche, quali la medicina legale o la psichiatria, è sempre previsto un margine di discrezionalità soggettiva, per cui non ci si può mai aprioristicamente affidarsi ad unico elaborato, il più delle volte costituito dalla citazione della letteratura scientifica.

Al termine di questo piccolo spaccato, in conclusione, possiamo definire il processo penale un complesso emotivo che non ha eguali.

Se è vero infatti che il processo penale è finalizzato alla ricostruzione della verità fattuale, è altrettanto vero che ciò deve avvenire secondo le regole dettate dal codice di procedura penale e, in molti casi, ciò che si ottiene infatti è una verità processuale che non equivale necessariamente alla realtà materiale.

Compila il modulo per richiedere informazioni, 

Riceviamo solo su appuntamento.

  Roma, via La Spezia 43

  Ariccia, Largo Savelli 14

 

  06 89346494 - 349 40 98 660
segreteria@studiobuccilli.com
www.studiobuccilli.com
x

 chiamaci 06 89346494 - 349.40.98.660 | invia emailsegreteria@studiobuccilli.com | assistenza sediRoma - Ariccia - Latina

UN AVVOCATO IN TUA DIFESA

x

Compila il modulo per una valutazione gratuita. 

Riceviamo solo su appuntamento.

 


Roma, via La Spezia 43

 Ariccia, Largo Savelli 14

 

  06 89346494 - 349 40 98 660
segreteria@studiobuccilli.com
www.studiobuccilli.com